Mi dicono: “Sei grassa!” Ma non me ne frega niente perché quando guardo mio figlio…”


È bella, simpatica, solare, sorridente. Da quando è arrivata in Italia, il pubblico l’ha subito amata perché Vanessa Incontrada non puoi non amarla. Classe 1978, Vanessa Incontrada è nata a Barcellona. Sua mamma è spagnola e suo padre è originario di Roma (nato e cresciuto nel quartiere della Garbatella) mentre i suoi nonni hanno origini napoletane. La Incontrada è quindi cresciuta col “sole” italiano e con quello spagnolo. A 17 anni, quando è solo una bambina, si trasferisce a Milano per intraprendere la carriera di modella. Anche se il suo sogno più profondo è quello di diventare una interior design. Ben presto, però, si innamora del mondo dello spettacolo.

E il mondo dello spettacolo si innamora di lei. Vanessa è bravissima, conquista il pubblico con la sua genuinità, con il suo sorriso sincero e con la sua bellezza pulita. Poi, però, quando ormai la sua carriera è avviata e la Incontrada partorisce suo figlio, iniziano i primi problemi. Sempre che così si possano chiamare. Vanessa Incontrada viene messa sotto processo dal pubblico per i suoi “chili di troppo” che, in realtà, chili di troppo non sono. Semplicemente Vanessa, dopo la nascita del figlio, non ha perso tutti i chili accumulati in gravidanza. Continua a leggere dopo la foto








Non c’è nulla di male: non è obbligatorio, per una donna, tornare al peso pre-parto. Solo che, se sei una donna di spettacolo, è tutto più complicato. E fu così che, quando lo scorso anno, Vanessa fu chiamata a presentare i Wind Music Awards 2017 insieme a Carlo Conti, le critiche riguardo il suo corpo furono feroci. “Si ok, tutto bello e bellissimo, ma fai qualcosa per i glutei e quella cellulite! Si fa fatica a guardarti…”, “Sei grassa”, sono solo alcuni dei commenti impietosi degli utenti del web. Per lei, ovviamente, è una sofferenza. O meglio, lo era: “Un tempo le critiche mi facevano male, oggi no, mi sono schermata, ho imparato a gestire certe situazioni; oggi piuttosto mi sento toccata come donna, in generale sento l’offesa verso le donne”, aveva detto tempo fa in un’intervista a Il Fatto quotidiano. Nella stessa intervista aveva detto anche che era stata “Attaccata a ripetizione e con zero solidarietà” mentre conduceva Zelig incinta di suo figlio. (Continua a leggere dopo le foto)








“Mi chiedo spesso se tornerò magra e bella come prima. Ma poi mi basta guardare in faccia il mio bambino perché non me ne freghi più niente, l’unica persona a cui mi interessa piacere è lui. Viviamo in un mondo cretino per alcuni aspetti. Non puoi piacere a tutti sicuramente, però sentir parlare sempre dell’aspetto fisico mi stanca. La cellulite ce l’ho, le smagliature pure, ma che devo fare? Siamo donne, fa parte della vita avere periodi in cui ci si sente meglio e periodi in cui si sta peggio. Alla fine bisogna accettarsi. Questo non vuol dire che non mi prendo cura di me”.

“Meglio restare imperfetti ma veri”, aveva aggiunto la Incontrada che, sinceramente, ci sembra non abbia nulla di imperfetto. Tantomeno il fisico. Un fisico morbido e accogliente, un fisico “normale” che è un ottimo esempio anche per le ragazze: fa capire loro che ogni fisico va bene e non bisogna inseguire per forza i canoni di Instagram o delle passerelle. A proposito di Zelig, l’ultima puntata della trasmissione di Fabio Fazio sembrava proprio una reunion della storica trasmissione: ospiti di Che tempo che fa sono stati infatti Claudio Bisio e Vanessa Incontrada. I due, che hanno mostrato ancora la stessa complicità di una volta, hanno raccontato le loro vite. Vanessa, naturalmente, ha fatto un riferimento al suo corpo ammettendo di aver fatto fatica a indossare la divisa da carabiniere per la nuova fiction. La attaccheranno ancora una volta per i “chili di troppo” messi in evidenza dal tailleur bianco gessato che aveva scelto per la trasmissione? Beh, lo hanno già fatto come dimostrano i commenti al post di Che tempo che fa.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...