Bimba di 7 anni violentata con un tubo di metallo: è gravissima


Una notizia agghiacciante quella che arriva dall’India, dove si è consumato l’ennesimo caso di abusi su bambini. Secondo quanto riportato dalla stampa locale una bambina di appena 7 anni è stata violentata da un uomo di 21 anni, il quale per compiere lo stupro si è servito di un tubo di metallo. Il giovane è stato arrestato dalla polizia, mentre la bimba si trova tutt’ora all’ospedale di Nuova Dehli in condizioni critiche, dopo aver riportato una grave emorragia ed essere stata prontamente operata dal personale medico della capitale indiana. Inoltre la bambina a detta dei medici era molto denutrita.

Secondo quanto riferito dai siti locali, la bambina è stata attirata in una discarica dal suo vicino di 21 anni, un agente di polizia ha affermato che il sospettato ha confessato. Questo terribile episodio è accaduto a Nuova Delhi nel distretto di Shahdara nella parte nord-orientale della città. (Continua a leggere dopo la foto)







Il giovane pedofilo avrebbe adescato la bimba nel parco, per poi portarla in un luogo isolato e abusare brutalmente di lei. Il giovane dovrà rispondere all’accusa di violenza sessuale su minore. Attualmente la piccola si trova ancora in ospedale, ha subito un delicato intervento chirurgico per curare le gravi ferite riportate a seguito della crudele violenza. Il 21enne è stato arrestato con l’accusa di stupro. Il presidente della Commissione per le donne di Nuova Delhi, Swati Maliwal, ha spiegato che la bambina sta facendo molta fatica per riprendersi. (Continua a leggere dopo la foto)




“Ho appena incontrato una bambina di 7 anni sopravvissuta ad uno stupro a Seemapuri da un uomo di 21 anni. – ha detto – L’ha portata vicino ad una discarica abbandonata, ha preso un tubo di metallo per l’acqua ed ha abusati di lei, l’ha violentata e dopo se n’è andato. La bambina è in condizioni critiche, ha avuto un’emorragia ed è stata operata. Non riesco a descrivere il dolore che stava vivendo la bambina. La sosterremo nella sua battaglia legale per assicurare la pena di morte ai suoi colpevoli, presenterò domanda di risarcimento e faremo tutto il possibile per riabilitarla”. (Continua a leggere dopo la foto)


 

La terribile vicenda ha sconvolto la comunità indiana. Nel Paese il problema delle aggressioni sessuali, specie sui bambini, è all’ordine del giorno. Sono diverse le associazioni che si stanno mobilitando per arginare il vergognoso fenomeno, di cui rimangono vittime, specialmente, donne e bambini degli strati più poveri della popolazione.

“Sono ninfomane: devo fare sesso più volte al giorno”. Il fidanzato “sfinito”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...