Bullismo, bimba tenta il suicidio il giorno del suo compleanno


In Inghilterra, una bimba di soli 10 anni ha cercato di suicidarsi il giorno prima del suo compleanno. La madre ha accusato i suoi compagni di classe sui social: “E’ vittima di bullismo a scuola”. Gli episodi sarebbero iniziati dall’inizio dell’anno scolastico. “Sono disgustata, nessuno ha fatto nulla per mia figlia. Nessuno sembra volerla aiutare affatto”. (Continua a leggere dopo la foto)








La bambina è andata in overdose da farmaci dopo aver ingerito una dose massiccia di pillole trovate in casa. La mamma, 27 anni, per sensibilizzare  e allarmare gli altri genitori sulle conseguenze e i rischi del bullismo, ha pubblicato su facebook alcune foto della bimba ricoverata in ospedale, tra cui la piccola che vomita a seguito della lavanda gastrica. (Continua a leggere dopo la foto)






Sua madre era già allarmata da alcuni giorni. Racconta che il lunedì precedente, “Avevo intuito che Lilly non stava bene, perché era tornata triste da scuola e non voleva mangiare”. La sera del tentato suicidio, aveva notato che mancavano delle pasticche nel suo armadietto dei medicinali. Aveva quindi chiesto che fine avessero fatto alla piccola, che ha subito ammesso di aver ingerito le pillole. “Ho pensato che sarebbe morta”, racconta ai media locali. (Continua a leggere dopo la foto)



La mamma ha rivelato di aver poi affrontato i genitori della ragazzina che prendeva più pesantemente in giro Lily. La piccola bulla, secondo i racconti di sua figlia, “Le ha tirato i capelli, l’ha spinta, l’ha schiaffeggiata e le ha anche chiuso una porta dell’armadio sulla testa”. Tuttavia, secondo i racconti della madre di Lily,  nel corso dell’incontro i genitori di questa avrebbero deriso anche lei.

Il direttore della scuola della bambina ha negato, però, che la scuola non sia intervenuta dopo le denunce.“Abbiamo preso provvedimenti immediati,– ha dichiarato – sono stati organizzati incontri faccia a faccia tra me, il vice preside, gli insegnanti e le famiglie coinvolte. Questa scuola prende molto seriamente tutte le accuse di bullismo, incluse quelle razziste, omofobiche, di genere o legate alle disabilità”.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...