La rivelazione di Marco Di Carlo: “Mark Caltagirone sono io”


Il caso Pamela Prati pare sia giunto alle sue fasi conclusive. Dopo la confessione di Eliana Michelazzo, ex agente della showgirl, che ha confermato che Mark Caltagirone non esiste, come non è mai esistito suo marito, Simone Coppi, personaggio inventato, a quanto pare, dall’altra social della Aicos menagement, Pamela Perriciolo. la showgirl sarda sarà ospite presto di Barbara D’Urso e in quella occasione dovrebbe confessare di aver mentito e di essere stata plagiata dalle sue ex agenti.

A confermare che Mark Caltagirone è un personaggio inventato, ci ha già pensato Eliana Michelazzo nell’ultima puntata di ‘Non è la D’Urso’, sostenendo anche lei di essere vittima di un plagio, ordito dalle due Pamela. Insomma la situazione è ancora intricata e non si capisce bene di chi sia stata l’idea di inventarsi un fidanzato e un matrimonio, chi di loro sia solo la vittima di una serie di eventi e di scelte errate. (Continua a leggere dopo la foto)








Ad aggiungere ulteriore carne al fuoco ci ha pensato l’ospite odierno di ‘Storie Italiane‘, Marco Di Carlo. L’uomo, capello brizzolato e fisico prestante, è un produttore televisivo che in passato ha lavorato con Pamela Prati a Mediaset. La conduttrice l’ha presentato come uno dei volti che ha assunto in questi mesi Mark Caltagirone. Pare infatti che la sua foto sia stata usata come prova dell’esistenza del fantomatico promesso sposo della Prati. “Martedì di questa settimana, sono stato contattato dal direttore di Oggi, mi ha detto: “Ho una foto tua con tua figlia”. (Continua a leggere dopo la foto)






”È stata utilizzata da qualcuno, all’interno di questo scandalo. E’ stato mostrato questo scatto in un altro programma televisivo, dicendo che ero Mark Caltagirone. Ho sempre saputo poco di questa storia, soprattutto dai giornali. Ho dovuto capire cosa fare, mi sono dovuto tutelare”, ha detto Marco Di Carlo. Con Pamela Prati, non c’è mai stato un contatto diretto negli ultimi anni: “Io lavoro dietro le quinte di questo ambiente. Non ho avuto contatti con Pamela Prati. Ho lavorato come autore a Mediaset. Nel 1998, ho firmato come autore Sotto a chi tocca con la Prati e Pippo Franco. Ma il contatto, di ventidue anni fa, è durato il tempo di quell’estate”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

L’agente, per tutelare se stesso e le proprie figlie, ha intenzione di agire per vie legali: “Non ho idea di chi abbia preso la mia foto. I miei figli non sono al corrente dell’accaduto. Ci sono rimasto male. La piccolina è stata ripresa e non so che fine è stato fatto. E’ normale che ci muoveremo per vie legali”.

Paura per Pamela Perricciolo: ricoverata in ospedale dopo un abuso di farmaci. È successo ieri sera dopo la confessione choc di Eliana: le sue condizioni

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...