Bimba disabile di 10 anni aggredita sullo scuolabus: è stata trovata in lacrime della madre


In lacrime, terrorizzata e piena di lividi sul corpo. Così una mamma ha trovato la figlia, 10 anni, appena scesa dallo scuolabus che l’aveva appena riportata a casa. La bimba, Lillian Waldron, soffre di gravi problemi di apprendimento e su quel mezzo in cui la madre era convinta fosse al sicuro si è ritrovata vittima di una violenta aggressione da parte di un’altra ragazzina. Quest’ultima l’ha presa a morsi lasciandole profondi lividi su tutto il corpo. L’episodio choc è avvenuto nello stato del Wisconsin, Stati Uniti, a bordo di uno scuolabus per il traporto di bimbi con bisogni speciali. La mamma di Lillian, Lynn Waldron-Moehle non poteva credere ai suoi occhi quando ha visto la figlia ridotta in quello stato: spaventata, piena di contusioni e in lacrime. (Continua dopo la foto)







La madre della bimba ha così denunciato l’accaduto con tanto di foto della figlia dopo l’aggressione subita sul bus. La donna ha precisato anche che la piccola Lillian soffre di ritardo nello sviluppo cognitivo, tanto da essere paragonata a una bimba di due anni. “Se non è possibile controllare questi bambini che hanno esigenze particolari è necessario che ci sia qualcuno in grado di farlo”, ha detto ai media. (Continua dopo la foto)




“Il posto dove sedeva Lillian era proprio dietro l’autista dell’autobus, è impossibile che l’uomo non abbia sentito o visto nulla di quello che succedeva e non ha fatto nulla per fermare l’attacco”, ha accusato poi la signora Waldron-Moehle. La piccola era bloccata e non poteva scappare dall’aggressione, dal momento che era seduta su un sediolino speciale fissato con le cinte. (Continua dopo la foto)


“Ha subito più di 9 morsi con lividi che coprono la parte superiore del braccio e della spalla, piangeva e teneva il braccio fermo”, hanno raccontato ancora i genitori della piccola. La scena dell’aggressione è stata ripresa in un filmato che ora è finito al centro di un’indagine aperta per accertare quanto successo ed eventuali responsabilità dell’autista.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...