In arrivo un’ondata di freddo e neve proveniente dalla Russia. Italia, torna il freddo: temperature giù anche di 15 gradi


Se eravate già pronti col cambio di stagione sarà meglio che rivediate i vostri piani. Questi ultimi giorni sono stati caratterizzati da un caldo anomalo, ma l’anticipo di primavera con il sole e belle giornate sta già per finire: è attesa una perturbazione in arrivo dalla Russia che porterà di nuovo neve e gelo. Come si legge sul sito de Il Meteo.it, infatti, il vastissimo anticiclone, un mix tra Azzoriano e Africano, che in questi giorni sta tenendo lontane le perturbazioni organizzate e fatto fare capolino alla primavera soprattutto sulle regioni del Centro Nord non è destinato a durare.

Se per buona parte della settimana non sono previste grosse variazione di rilievo, questa stabilità atmosferica unita all’assenza dei venti favorirà tuttavia il ritorno delle nebbie sulle Pianure del Nord e zone interne del Centro, talvolta molto intense e persistenti. Il giorno della ‘svolta gelida’ è previsto dagli esperti del meteo all’inizio del weekend. Da venerdì sono attesi importanti cambiamenti. (Continua dopo la foto)



Dando uno sguardo allo scacchiere europeo e agli ultimi aggiornamenti proposti dal prestigioso Centro Europeo per le previsioni a medio termine (ECMWF), si legge ancora sul sito, si può infatti notare come il grande anticiclone si sposti ulteriormente verso Nord fino a raggiungere la Penisola Scandinava. E questa risalita fino alle alte latitudini metterà in moto una potente irruzione gelida che dalla Russia farà sentire i suoi effetti fin sull’Italia. (Continua dopo la foto e il video)



A partire da venerdì prossimo, 22 febbraio 2019, cominceranno ad affluire fredde correnti dai quadranti settentrionali che faranno calare sensibilmente le temperature anche di 15 °C in pochissime ore. Dapprima al Centro-Sud – in primis sul versante Adriatico – e poi anche al Nord. Il sito del Meteo.it sottolinea che si sta parlando di una massa d’aria molto fredda per la stagione, con valori intorno ai -8/-10°C alla quota isobarica di 850 hPa (circa 1450 metri). (Continua dopo la foto)


 


Tra la sera di venerdì e per tutta la giornata di sabato 23 febbraio sono attesi venti fortissimi da Nord con raffiche a 100 km/h su tutte le regioni del Centro Sud e mareggiate forti lungo le coste esposte specie del versante adriatico e ionico. Inizialmente non sono previste forti precipitazioni, solo deboli, relegate principalmente tra Abruzzo, Puglia, Basilicata e Calabria. Ma sabato la neve potrebbe fare la sua comparsa a quote bassissime, localmente fino al mare, specie su Calabria e Sicilia centro-orientale, concludono gli esperti.

Compie 100 anni e decide di festeggiare con 2 spogliarellisti

Keeping sharing simple...