“Le tette ti arrivano alle ginocchia”. Mentre corre, un uomo l’offende. E la reazione…


Faceva jogging per il parco, come quasi tutte le mattine. Un modo per tenersi in forma e prendere una pausa dagli impegni giornalieri, da sola in mezzo alla natura. Stavolta, però, qualcosa è andato diversamente. Un uomo che correva nella direzione opposta l’ha fermata, le si è avvicinato e ha commentato in maniera decisamente volgare il suo fisico. Un gesto che avrebbe potuto distruggere l’autostima della più combattiva delle ragazze e che però non è riuscito a scalfire la corazza di questa donna. Lei, Michelle Kirk, 30 anni originaria della Florida, ha infatti risposto così su Facebook a chi l’aveva importunata. Ed è diventata una star del web. L’uomo che ha fermato Michelle le ha consigliato, senza troppi giri di parole, di ricorrere a un reggiseno sportivo per migliorare il suo look, visto che a suo giudizio il décolleté era tutt’altro che tonico e piacevole da osservare. Lei, lì per lì, ha fatto finta di niente, proseguendo sulla sua strada. Poi la reazione. (Continua a leggere dopo le foto)








Qualche metro più in là, Michelle si è scattata un selfie molto eloquente, con un bel dito medio in primo piano, e ha pubblicato il tutto in rete accompagnato dalla frase “Tu sei la ragione per cui le donne si vergognano del loro corpo. Non smetterò mai di fare quello che amo, né arriverò mai a odiare me stessa”. (Continua a leggere dopo le foto)








 

Il post ha colpito molto gli amici e i follower virtuali della donna ed è stato condiviso da tantissime persone diventando virale. Tanti sono stati anche i commenti per il passante, considerato dal popolo della rete maleducato e decisamente inopportuno. In maniera ironica ma non troppo delicata, un’amica di Michelle ha scritto “Avresti dovuto rispondergli che per il cedimento dei suoi genitali non c’è invece soluzione”.

“Che schifo!”. Ospite di Bonolis, Mickey Rourke lo ha fatto davvero in diretta tv

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...