96 anni, chiama i carabinieri: “Mi serve aiuto”. Poi emerge una verità da lacrime


“Pronto, carabinieri?”. È un anziano di 96 anni a chiamare il 112. All’operatore spiega di avere un’auto parcheggiata davanti casa. “Non posso uscire, dovete rimuoverla”, deve aver detto, parola più parola meno. E così dalla centrale inviano subito una pattuglia per andare a ‘liberarlo’. I carabinieri arrivano davanti casa del nonnino, a Villa Castelli, provincia di Brindisi, ma trovano la strada totalmente sgombra: non c’è alcuna macchina a ostruire il passaggio.

E hanno capito che l’unico reale aiuto di cui il 96enne aveva bisogno era la compagnia. Per uscire a fare una passeggiata e scambiare due chiacchiere. Il dramma della solitudine: l’anziano sentiva il bisogno di parlare con qualcuno. Anche per poco tempo, si sarebbe sentito meno solo e così ha alzato il telefono e con una scusa ha chiamato chi era sicuro ascoltasse la sua richiesta di aiuto. (Continua dopo la foto)








Pochi minuti dopo quella telefonata, sotto casa del 96enne sono arrivati il brigadiere e il maresciallo. E quando il brigadiere gli fa notare che non c’era alcuna auto a impedirgli di uscire, lui ha messo da parte il pudore e, senza più scuse, deve aver confessato: “Mi farebbe piacere fare una passeggiata, è tanto tempo che non esco di casa”. Una frase – sempre parola più, parola meno – che scioglierebbe anche la persona meno sensibile del mondo. (Continua dopo la foto)






Il brigadiere l’ha quindi preso sottobraccio per una passeggiata che chissà da quanto tempo l’anziano non faceva. Gli ha raccontato parte della sua lunga vita: è rimasto vedovo, i figli sono lontani per lavoro e nonostante i parenti si prendano cura di lui, senza fargli mai mancare nulla, la vita frenetica di oggi non consente sempre di accompagnarlo a fare un giretto dell’isolato, come piacerebbe a lui. (Continua dopo la foto)



 


Tornati davanti all’uscio di casa, l’anziano ha strappato una promessa ai militari che erano intervenuti per far spostare un’auto che non esisteva e che invece si sono trovati di fronte un uomo che aveva solo bisogno di chiacchierare e uscire a fare due passi. La promessa che sarebbero tornati presto a fargli visita per un’altra passeggiata.

Obesa, da sempre bullizzata, ha trovato marito in modo “improbabile”. Ora è felice

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...