Martina Nasoni, la ‘ragazza con il cuore di latta’. La storia che non tutti conoscevano


“Mi chiamo Martina Nasoni, ho 21 anni, vengo da Terni e sto studiando per diventare una tatuatrice. Vengo da una famiglia unita, siamo sempre insieme. La mia mamma e io soffriamo di una patologia che si chiama cardiomiopatia ipertrofica. Avevo 12 anni quando mi dissero che da quel momento in poi, per la mia sicurezza, sarebbe stato necessario mettere un pacemaker. È toccato a me, ma questo non significa che io non possa vivere come chiunque altro”.

È cominciata così l’avventura di Martina Nasoni al Grande Fratello 16. La stessa Martina che poi avrebbe vinto il reality. Meritatamente. La 21enne umbra di Terni è la ragazza alla quale Irama ha dedicato la canzone che ha portato a Sanremo 2019, intitolata “La ragazza con il cuore di latta”. “Ho un pacemaker da quando aveva 12 anni, soffro di cardiomiopatia ipertrofica” ha raccontato al pubblico, senza mai perdere il sorriso.








 





Martina Nasoni soffre di cardiomiopatia ipertrofica. Per questo motivo, all’età di 12 anni, è stata sottoposta a un intervento al cuore, necessario per inserire un pacemaker che avrebbe dovuto supportare la sua normale attività cardiaca. La cardiomiopatia ipertrofica è una patologia cardiaca che ha spesso origini genetiche. È stata di frequente causa di morte tra i giovanissimi atleti.



Martina ha conosciuto Irama a Gallipoli la scorsa estate, gli ha raccontato la storia della sua vita e il giorno dopo le consegnò il testo del brano che, qualche mese dopo, avrebbe portato al Festival di Sanremo. Martina Nasoni è, quindi, la “ragazza con il cuore di latta” cantata dall’artista uscito vincitore dalla scuola di Amici 2018: “Mi è capitato questa estate di conoscere un ragazzo. Gli ho raccontato la storia del mio cuore e lui il giorno dopo si è presentato con un testo scritto. Era Irama che aveva scritto ‘La ragazza con il cuore di latta’”.

Martina Nasoni: età, altezza, peso e fidanzato

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it

Keeping sharing simple...